fbpx Sulle tracce delle fantasie di un re
Sulle tracce delle fantasie di un re

Sulle tracce delle fantasie di un re

Foto da: C.C. Azienda per il Turismo della Val di Fassa

Una passeggiata da concedersi con lentezza in tutte le stagioni, anche nella neve, attraverso boschi di conifere e pannelli che raccontano le origini e il mito delle Dolomiti più segrete.

Se poi ne sia valsa la pena, lo scoprirai tratto a tratto solo dopo la partenza. Attraverso i nomi dei luoghi che percorri e che appartengono alle leggende delle origini. Campanili di rocce e pareti bianche, torri inconfondibili che portano i nomi dei primi scalatori sono lo sfondo che accompagna i tuoi passi, nel vento e nel sole, mentre i pannelli del Sentiero delle Leggende ti fanno entrare nel cuore della storia e della nascita delle Dolomiti. L’origine dei colori, della pietra, delle creature che le hanno fondate e popolate, le pene d’amore di chi ci ha incastonato il cuore e poi le tappe dove l’uomo ha messo un segno nel rispetto inderogabile delle possibilità della natura. Dalla conca del Ciampedie ai prati del Gardeccia, il Catinaccio, le guglie del Vaiolet e i Dirupi del Larséc, ti indicano la strada. Procedi con lentezza e goditi la quota. 

  • signal_cellular_alt Difficoltà Media
  • straighten lunghezza 7.74 Km
  • schedule durata 3:20 h
  • arrow_drop_up dislivello 360 m
  • arrow_drop_down discesa 360 m
  • skip_next punto più alto 1994 m
  • skip_next punto più in basso 1796 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

1. Pianifica preventivamente l’escursione in base alle tue capacità, al meteo, alle caratteristiche e condizioni dell’itinerario e al rischio valanghe.

2. Scegli sempre di effettuare escursioni in compagnia. Possibilmente, affidati ai professionisti della montagna.

3. Assicurati di avere con te abbigliamento e attrezzatura adeguati (scarponcini, ramponcini e bastoni).

4. Comunica a qualcuno itinerario, orario di ritorno ed eventuali varianti.

5. Vai piano, goditi il panorama ed il silenzio.

6. Se sei incerto sulla direzione, torna indietro.

7. Non calpestare le piste da fondo e da discesa.

8. Rispetta l’ambiente che ti circonda, riportando a valle i tuoi rifiuti.

9. Porta anche il tuo amico animale, ma solo al guinzaglio.

10. Aiuta chi è in difficoltà. In caso di reale necessità e per emergenze chiama il 112.

Partenza

Vigo di Fassa - Ciampedie

Coordinate

DD 46.433461 , 11.665231 DMS46° 26' 0.4596'' N 11° 39' 54.8316'' E

Arrivo

Gardeccia - Valle del Vaiolet

Transito trasporto pubblico

Linee trasporto pubblico Trentino Trasporti - Val di Fassa:

  • linea n. 101 Canazei - Cavalese - Trento
  • linea n. 104 Cavalese - Ora - Trento
  • linea n. 123 Moena - Passo San Pellegrino - Falcade

Linee trasporto pubblico SAD - Val di Fassa:

  • linea n. 180 Vigo di Fassa - Passo Carezza - Bolzano

- Fermata bus (Trentino Trasporti/SAD) più vicina: Vigo di Fassa > Strada Rezia/Hotel Carpe Diem

- Fermata skibus più vicina: Vigo di Fassa > Impianti Catinaccio

Come arrivare

Porte d'accesso principali alla valle provenendo dall'A22, autostrada Modena-Brennero:

  • uscita Ora/Egna, S.S. 48 delle Dolomiti - Passo San Lugano - Val di Fiemme - Val di Fassa (distanza km 45). Dalla circonvallazione di Moena (zona artigianale) verso Canazei
  • uscita Bolzano Nord, S.S. 241 Grande Strada delle Dolomiti - Passo Carezza - Vigo di Fassa (distanza km 40). Da Vigo verso nord in direzione Canazei, verso sud in direzione Soraga di Fassa e Moena

Altri accessi alla Val di Fassa:

  • dall'autostrada A27 (Venezia), uscita Belluno/Ponte nelle Alpi, S.S. 203 per Agordo e S.P. 346 del Passo San Pellegrino - Moena (Val di Fassa). Dalla circonvallazione di Moena verso Canazei
  • dall'autostrada A27 (Venezia), uscita Belluno/Ponte nelle Alpi, S.S. 203 per Agordo/Alleghe/Rocca Pietore. S.P. 641 del Passo Fedaia - Canazei
  • provenendo da Arabba, S.S. 48 del Passo Pordoi - Canazei
  • dalla Val Gardena, S.S. 242 Passo Sella - Canazei

Parcheggio

Parcheggi nelle immediate vicinanze della stazione a valle della funivia Catinaccio.

Direzione da seguire

Escursione invernale dal Ciampedie a Gardeccia

Con l’impianto da Vigo raggiungi in pochi minuti il Ciampedìe (1.998 m), soleggiato altipiano con una superba vista sulle Dolomiti di Fassa. Dall’uscita della funivia portati verso l’area giochi per bambini. Cammini lungo il sentiero che passa a sinistra del Kinderpark (Sentiero degli Animali). Giunto ad un bivio, segui il percorso sulla sinistra che, con ripide serpentine, scende a Pian Pecei (circa 200 m di dislivello; in alternativa è possibile prendere la seggiovia - corsa compresa nel biglietto andata/ritorno della funivia). Nei pressi della partenza della seggiovia Ciampedie, con attenzione, attraversi un breve tratto di pista, dirigendoti verso destra. Aggiri la stazione a valle della seggiovia Vajolet II (sottopasso). Da qui inizia la salita, imboccando sulla destra il "Sentiero delle Leggende". Inizialmente, la strada forestale affianca il tracciato da sci, per poi allargarsi e salire gradualmente attraverso il bosco. Arrivato ad un casale, continui lungo il percorso sulla sinistra ed in circa 10 minuti arrivi alla conca di Gardeccia.

Attrezzatura

I tracciati segnalati vengono battuti principalmente dal passaggio di persone a piedi. Non è previsto un servizio giornaliero di manutenzione, ma solo periodicamente e successivamente a nevicate. Ciò non esclude l’eventuale presenza di tratti ghiacciati e scivolosi, in particolare nelle zone in ombra. Ti consigliamo di prestare sempre la massima attenzione al tipo di fondo e di essere sempre adeguatamente equipaggiato (scarponcini, ramponcini e bastoni). 

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward