fbpx GARDECCIA - PASSO DELLE SCALETTE (Pas da le Sćialete) - RIFUGIO ANTERMOIA
GARDECCIA - PASSO DELLE SCALETTE (Pas da le Sćialete) - RIFUGIO ANTERMOIA

GARDECCIA - PASSO DELLE SCALETTE (Pas da le Sćialete) - RIFUGIO ANTERMOIA

Foto da:

Traversate in quota

È senza dubbio la più bella attraversata, anche se impegnativa e da affrontare con certezza di bel tempo, del gruppo del Catinaccio per la selvaggia bellezza dei luoghi. Dalla conca di Gardeccia ci si avvia sul sentiero n. 583 presso il ponticello in legno, poco prima del rifugio Gardeccia. Seguendo l’andamento sinuoso delle pendici del Larséch, ricoperte da un’intricata vegetazione a pino mugo, si raggiunge la base delle cime i cui nomi richiamano antiche leggende. Si aggira la Gran Fermada, propaggine sud orientale del Gran Cront, in corrispondenza di un tetto di rocce finemente stratificate. Si continua, salendo senza difficoltà, in un bosco di abeti e larici, oltrepassato il quale si attraversano un largo canalone e un filone di roccia vulcanica. Si entra poi nel greto del torrente seguendone il corso per un tratto, si supera un pendio detritico oltre il quale iniziano delle roccette, che si superano con l’ausilio di pioli e fune metallica (Via Ferrata delle Scalette). Attraverso piani prativi si esce sulla sommità della gola al Passo delle Scalette (Pas da le Sćialete), m 2.416 (ore 2.00). Ci si avvia a destra sul muro di contenimento costruito dalla forestale e, contornando la costa orientale della vasta piana del Lèch Sech, si entra nella spoglia Val de Laussa. Si supera, con una lunga diagonale, un salto roccioso, si sfiora una piccola conca sabbiosa dalla quale si sale con marcata pendenza verso il Pas de Laussa a m 2.711 (ore 1.30; 3.30) nel cuore del Gruppo del Larséch. Si attraversano in direzione nord ed est i desolati Lasté de Antermoa in un susseguirsi di avvallamenti, lastroni rocciosi e modeste elevazioni. Si costeggia dall’alto il Lago d’Antermoia (Lèch de Antermoa) per scendere, quindi, rapidamente verso il rifugio omonimo (ore 0.30; 4.00). Si torna sul fondovalle a Mazzin, Fontanazzo e Campitello scendendo rispettivamente in Val Udai, segnavia n. 580 (ore 2.15), Val de Dona, segnavia n. 580 e 577 (ore 2.30) e Val Duron, segnavia n. 578 e 532 (ore 2.45). Vedi percorsi descritti in senso opposto 2/l, 2/m e 3/d. 

  • signal_cellular_alt Difficoltà Difficile
  • straighten lunghezza 6.31 Km
  • schedule durata 3:16 h
  • arrow_drop_up dislivello 857 m
  • arrow_drop_down discesa 292 m
  • skip_next punto più alto 2701 m
  • skip_next punto più in basso 1891 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

Per le escursioni in montagna scegli itinerari in funzione delle tue capacità fisiche e tecniche, documentandoti adeguatamente sulla zona da visitare.Se cammini in gruppo prevedi tempi di percorrenza in relazione agli escursionisti più lenti.

Di preferenza non intraprendere da solo un’escursione in montagna e, in ogni caso, lascia detto a qualcuno l’itinerario che prevedi di percorrere, ravvisando del tuo ritorno.

Informati sulle previsioni meteo e osserva costantemente lo sviluppo del tempo.

Nel dubbio torna indietro. A volte è meglio rinunciare che arrischiare l’insidia del maltempo o voler superare difficoltà di grado superiore alle proprie forze, capacità, attrezzature. Studia preventivamente itinerari alternativi di rientro.

Riporta a valle i tuoi rifiuti. Rispetta la flora e la fauna. Evita di uscire inutilmente dal sentiero e di fare scorciatoie. Rispetta le culture e le tradizioni locali ricordandoti che sei ospite delle genti di montagna.

Partenza

GARDECCIA (Pozza di Fassa)

Coordinate

DD 46.447527 , 11.64002 DMS46° 26' 51.0972'' N 11° 38' 24.0720'' E

Arrivo

RIFUGIO ANTERMOIA (Catinaccio d'Antermoia)

Transito trasporto pubblico

Linee trasporto pubblico Trentino Trasporti - Val di Fassa:

linea n. 101 Canazei - Cavalese - Trento

linea n. 104 Cavalese - Ora - Trento

linea n. 123 Moena - Passo San Pellegrino - Falcade

Linee trasporto pubblico SAD - Val di Fassa:

linea n. 180 Pozza di Fassa - Vigo di Fassa - Passo Carezza - Bolzano

linea n. 471 Passi Dolomitici (Passo Sella, Passo Gardena, Passo Campolongo, Passo Pordoi, Passo Fedaia). Servizio attivo solo in estate

Come arrivare

Porte d'accesso principali alla valle provenendo dall'A22, autostrada Modena-Brennero:

- uscita Ora/Egna, S.S. 48 delle Dolomiti - Passo San Lugano - Val di Fiemme - Val di Fassa (distanza km 45). Dalla circonvallazione di Moena (zona artigianale) verso Canazei;

- uscita Bolzano Nord, S.S. 241 Grande Strada delle Dolomiti - Passo Carezza -Vigo di Fassa (distanza km 40). Da Vigo verso nord in direzione di Canazei, verso sud in direzione Soraga di Fassa e Moena;

Altri accessi alla Val di Fassa:

- dall'autostrada A27 (Venezia), uscita Belluno/Ponte nelle Alpi, S.S. 203 per Agordo e S.P. per Agordo e S.P. 346 del Passo San Pellegrino - Moena (Val di Fassa).Dalla circonvallazione di Moena verso Canazei;

- dall'autostrada A27 (Venezia), uscita Belluno/Ponte nelle Alpi, S.S. 203 per Agordo e S.P. per Agordo/Alleghe/Rocca Pietore. S.P.641 del Passo Fedaia - Canazei;

- provenendo da Arabba, S.S.48 del Passo Pordoi - Canazei;

- dalla Val Gardena, S.S.242 Passo Sella - Canazei.

Parcheggio

Parcheggi nelle immediate vicinanze della stazione a valle della funivia (Vigo) o della seggiovia Vajolet (Pera).

Direzione da seguire

L’escursione parte da Gardeccia (1.949 m). La conca di Gardeccia può essere raggiunta in due modi: dal Ciampedìe (da Vigo di Fassa si sale in funivia fino a Ciampedìe e poi a piedi lungo il sentiero n. 540; parcheggi nelle immediate vicinanze della stazione a valle dell’impianto di risalita) oppure da Pera di Fassa con i bus navetta, a pagamento (partenza presso il parcheggio della seggiovia Vajolet).

Per il ritorno si può scegliere di percorrere in discesa la Val di Dona fino a Fontanazzo (sentiero n. 577; ore 1.45), la Val Udai fino a Mazzin (sentiero n. 580; ore 2.15) oppure la Val Duron fino a Campitello (sentieri n. 578 e 532; eventuale servizio navetta a pagamento dal Rifugio Micheluzzi). Rientro a Pera o Vigo di Fassa in autobus.

 

 

Attrezzatura

Provvedi ad un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno e alla lunghezza dell’escursione e porta nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza, assieme ad una minima dotazione di pronto soccorso.

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward