' /> Il giro del Solombo
Il giro del Solombo

Il giro del Solombo

Foto da: N. Delvai

Passeggiata all'ombra di abeti rossi, pini e larici sopra il paese di Carano con inaspettate viste sulle località circostanti.

E’ il piccolo colle a monte dell’abitato di Carano che dà il nome a questa passeggiata che, letteralmente, gli gira attorno, regalandoci un itinerario fresco e rigenerante. Preannunciato dai prati e dai pascoli della località Calvello, la strada forestale si inoltra nel variegato bosco, proseguendo in leggera costante ascesa fino ai panoramici prati di Ganzaie. L’occhio attento saprà scovare nelle giuste stagioni i doni che il bosco regala: dalle fragoline di bosco ai lamponi, dai fiori di sambuco a quelli di iperico, fino ai profumati funghi porcini.  Alle porte dell’abitato di Daiano, quando il sentiero degrada per tornare al punto di partenza, il panorama si apre per permettere di cogliere con un’unica occhiata la vastità della catena del Lagorai.

  • signal_cellular_alt Difficoltà Facile
  • straighten lunghezza 7.28 Km
  • schedule durata 2:30 h
  • arrow_drop_up dislivello 190 m
  • arrow_drop_down discesa 190 m
  • skip_next punto più alto 1348 m
  • skip_next punto più in basso 1183 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI 

  1. Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  2. Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  3. Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  4. Consultate il bollettino metereologico
  5. Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  6. Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  7. Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  8. Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  9. In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  10. In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Calvello

Coordinate

DD 46.300649 , 11.430103 DMS46° 18' 2.3364'' N 11° 25' 48.3708'' E

Arrivo

Calvello

Come arrivare

Da Cavalese dirigersi a Carano e proseguire per località "Calvello".

Parcheggio

Possibilità di parcheggio a sinistra dopo il "Maso Bortolotti".

Direzione da seguire

Dal parcheggio si prosegue sulla strada asfaltata raggiungendo località Calvello. Da qui si imbocca la strada sterrata indicata come giro di Solombo che si snoda in mezzo ad un bosco di pini e poi di abeti rossi.

Lungo il percorso si può notare in basso il paese di San Lugano.

Si arriva poi nella piana delle Ganzaie con un bosco di larici che regala un ampio panorama sulla Catena del Lagorai. Proseguendo in leggera discesa sulla strada asfaltata in mezzo ai prati si svolta a destra e si raggiunge il Maso dello Speck dove suggeriamo una pausa per una merenda golosa. 

Si segue la strada sterrata che si inoltra nel bosco e, tenendo sempre la sinistra, si scende in località Calvello. Andando a sinistra si ritorna al parcheggio. 

Attrezzatura

Scarpe da ginnastica o da trekking, giacca impermeabile, acqua, crema solare.

Il percorso è adatto anche ad una passeggiata con passeggino country.

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward