fbpx 33 - Giro dell'Elbele
33 - Giro dell'Elbele

33 - Giro dell'Elbele

Foto da:

L'Èlbele è la montagnola, coperta di bosco, che si trova nei pressi di Carbonare. In cimbro significa 'piccola alpe', intesa come area di pascolo o altura. Il lato nord si affaccia sull'alta valle del Centa mentre il lato sud si affaccia sull'ampia area prativa e pascoliva nota come Langenbisen ('lunghi prati', in cimbro). E' coperta di bosco ceduo, in prevalenza faggio e carpine, mischiato a resinose come abeti rossi e larici. Fa da sfondo l'alta parete della Vigolana e del Bècco di Filadonna.

Non è l'altura dell'Èlbele, con la sua malga, i suoi boschi e prati l'elemento di maggior interesse del percorso. Degno di maggior nota è il Comando di Virti, la mèta della passeggiata, cioè i resti della stazione di comando che nel corso della Grande Guerra (1914-1918) fu allestito in una profonda forra naturale. Il luogo, avvolto dal silenzio, è di grande bellezza. Sono visitabili anche i ricoveri in roccia.

  • signal_cellular_alt Difficoltà Facile
  • straighten lunghezza 3.04 Km
  • schedule durata 0:53 h
  • arrow_drop_up dislivello 90 m
  • arrow_drop_down discesa 35 m
  • skip_next punto più alto 1131 m
  • skip_next punto più in basso 1041 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Chiesa di Carbonare

Coordinate

DD 45.934443999979 , 11.226434000013 DMS45° 56' 3.9984'' N 11° 13' 35.1624'' E

Arrivo

Chiesa di Carbonare

Direzione da seguire

Dalla piazza di Carbonare, attraversato l'incrocio (con la dovuta attenzione), seguiamo i segnavia, ci inoltriamo tra le case e scendiamo nella parte superiore dell'ampia conca delle Mèuser. Le indicazioni ci portano verso est, a margine dell'area pascoliva. Alla nostra sinistra si erge, superba, l'alta, imponente montagna che sostiene la cima del Bècco di Filadonna (2150 m). Oltrepassata l'area denominata Giardino (ristoranti, punti di ristoro), di lato alla SS349, seguiamo sulla sinistra la sterrata che sale verso l'ex Malga Èlbele. Sfioriamo la malga e seguiamo la comoda strada forestale che ci conduce nei boschi adiacenti l'antico villaggio di Virti, che rimane nascosto alla nostra vista. Seguendo la segnaletica direzionale raggiungiamo facilmente la stretta forra naturale entro la quale gli austro-ungarici, cent'anni fa, realizzarono il Comando. E' la mèta della nostra passeggiata. Possiamo rientrare per la stessa via fatta nell'andata oppure proseguire fino alla SS349, percorrerla in direzione di Folgaria (svoltando a destra) fino al villaggio di Virti e, poco oltre il centro abitato, svincolare sulla destra nell'ampia conca prativa seguendo la strada sterrata che in breve ci riporta al tratto terminale del percorso dell'andata.

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward