fbpx 32 - Giro dell'Astico
32 - Giro dell'Astico

32 - Giro dell'Astico

Foto da: Apt Alpe Cimbra

Lungo il tratto iniziale del torrente Astico, nel tratto trentino, sono sorti mulini e segherie idrauliche. Oggi di questi manufatti, che sono stati protagonisti dell'economia rurale della montagna fino al primo grande conflitto mondiale, sono rimaste varie testimonianze, alcune veramente significative. Andarle a riscoprire è un viaggio nel tempo e nella storia.

L'ecosistema che circonda un torrente è sempre molto ricco. Fiori, pianti e specie arboree tipiche degli ambienti umidi di montagna raccontano angoli preziosi di natura, da scoprire e da riscoprire. Tra di essi i segni della secolare attività dell'uomo. Il Giro dell'Astico porta alla scoperta dell'antico maso della Porta (resti di mulino e panificio) e dell'affascinante ambiente naturale che accompagna il torrente Astico.

  • signal_cellular_alt Difficoltà Facile
  • straighten lunghezza 2.07 Km
  • schedule durata 1:11 h
  • arrow_drop_up dislivello 68 m
  • arrow_drop_down discesa 61 m
  • skip_next punto più alto 1105 m
  • skip_next punto più in basso 1053 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

Assolutamente sconsigliato effettuare l'escursione durnate le piene del torrente e così d'inverno (ghiaccio)

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Carbonare sud

Coordinate

DD 45.933085999979 , 11.225920000013 DMS45° 55' 59.1096'' N 11° 13' 33.3120'' E

Arrivo

Carbonare est

Direzione da seguire

E' un tragitto breve che prende il via dalla piazza di Carbonare. Dalla chiesa svoltiamo a sinistra e risaliamo (con la dovuta attenzione) un breve tratto della SS350 fino alla fontana e chiesetta di Girardi. Di fianco alla cappella seguiamo le indicazioni che ci immettono su una comoda stradina asfaltata che abbandoneremo dopo circa 300 m (segnaletiche). Imbocchiamo dunque una strada sterrata che in breve ci porta al torrente, al ponte della Sper. Appena superato il ponte, facciamo attenzione al sentiero che si stacca a sinistra e che in media discesa segue il corso d'acqua, che ci scorre accanto. Raggiungiamo così un altro ponte, il ponte dei Mirandoi. Svoltiamo a sinistra (segnaletiche). Poco oltre, in basso, sulla destra, si notano i resti murari dell'antico mulino della Porta (mulino e panificio). Proseguendo si rientra a Carbonare da sud, al punto di partenza.

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward