fbpx Passo Manghen - Fiemme
Passo Manghen - Fiemme

Passo Manghen - Fiemme

Foto da: VisitTrentino

La salita del passo Manghen, da Molina di Fiemme, è una storia di uomini e di ciclisti. Una strada che, nella sua altimetria, racconta il carattere degli uomini di montagna. E’, dunque, un tracciato che regala grandi soddisfazioni a chi lo affronta senza superbia.

  • signal_cellular_alt Difficoltà Media
  • straighten lunghezza 15.95 Km
  • schedule durata 2:52 h
  • arrow_drop_up dislivello 1396 m
  • arrow_drop_down discesa 175 m
  • skip_next punto più alto 2042 m
  • skip_next punto più in basso 810 m

Periodo consigliato:

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Informazioni slla sicurezza:

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Partenza

Molina di Fiemme

Coordinate

DD 46.270839999982 , 11.422777000009 DMS46° 16' 15.0240'' N 11° 25' 21.9972'' E

Arrivo

Passo Manghen

Direzione da seguire

Su questa strada, nel Giro del 1976 Francesco Moser confermò la sua personalità indomita e coraggiosa. Sul Manghen, con la strada sterrata, il giovane campione di Palù, reduce dal tappone Dolomitico, tenne il ritmo dei migliori. Poi in discesa entusiasmò la folla  confermando il suo spirito battagliero.

Strada di uomini veri, come i vigili del fuoco di Molina, che con i colleghi di Telve, nel 1954 iniziarono i lavori per  un collegamento viario che venne inaugurato nel 1958. Da allora strada ne è stata fatta, e molta, e il Manghen è entrato nella leggenda.

La salita che sale da Molina è di quelle da rispettare. All’inizio le pendenze non sono proibitive, ma dopo 8 chilometri, al Ponte delle Stue, mostra il suo vero aspetto. La bicicletta si impenna e la ruota anteriore mira il cielo. I muscoli si tendono nello sforzo su pendenze sempre attorno al 10 per cento fino. La carreggiata è ampia e regolare, con la salita che non cede fino al Passo.

Il Manghen, un sentiero percorso per secoli da pastori e cromeri, i venditori ambulanti che viaggiavano per tutta l’Europa e che, nelle malghe, trovavano ristoro. Ancor oggi questi luoghi offrono la stessa ospitalità. Perché un ciclista affaticato è pur sempre un uomo di montagna.

-

[Non è prevista una guida per questo percorso.]

Offerte nelle Vicinanze
arrow_upward